Home / Eventi / 12-13 Dicembre- IV Convegno Internazionale Diagnosi, conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale

12-13 Dicembre- IV Convegno Internazionale Diagnosi, conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale

aies

 

Centro di Ricerca per le Scienze Applicate

alla Protezione dell’Ambiente e dei Beni Culturali

Università la Sapienza

 

 

 

 

 

Con L’Alto Patronato del Presidente della Repubblica

Promuovono

Quarto Convegno Internazionale
Diagnosi, conservazione e valorizzazione del Patrimonio Culturale

Napoli 12, 13 Dicembre 2013

NH Ambassador
Via Medina 70
80133 NAPOLI

Con il Patrocinio del

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Regione Campania

Società Chimica Italiana

Con il patrocinio scientifico di:

Dipartimento di Chimica – Università di Roma La Sapienza

Dipartimento di Scienze Chimiche – Università di Napoli Federico II

Dipartimento di Chimica – Università di Parma

Dipartimento di Beni Culturali – Università degli Studi di Salerno

Dipartimento di Filosofia “A. Aliotta” – Università di Napoli Federico II

International Network for Traditional Building, Architecture & Urbanism Italia

Laboratorio di Restauro Legno – Università Suor Orsola Benincasa di Napoli

URITBECA Dipartimento Scienza della Terra UNICAL

YO.CO.CU

Con il contributo liberale di:

Con la collaborazione

ARCA sas

Ethos

Risviel srl

1^ Circolare

 

Scopo del Convegno

Nel 3° Convegno sono emerse le seguenti tematiche:

1) Correlazioni fra la politica dei Beni Culturali e quella della rivalutazione dei centri urbani storici, non limitandosi agli aspetti ambientali e relative forme di inquinamento.

2) Valore integrale delle politiche di conservazione e restauro rispetto ai contributi che possono derivare delle varie discipline (scientifiche, tecniche, umanistiche).

3) Nuove tecnologie sul doppio fronte, quello sperimentale e quello teorico (modelli fisici e matematici e software, microonde, radar, imaging, nanotecnologie), da una parte applicate a numerosi casi di specie; ricostruzione virtuale, sistemi informativi automatizzati, complessità frattalica dall’altra portate all’attenzione della comunità scientifica.

4) Particolare attenzione ai problemi di sicurezza nei siti di interesse culturale sia per le condizioni di lavoro sia per le sostanze maneggiate ai fini degli interventi operativi.

5) Esaltazione dell’approccio object oriented nell’opera di conservazione e/o restauro dei beni di pregio storico architettonico.

6) Per la prima volta nella serie dei Convegni l’inserimento , fra i beni Culturali, degli strumenti musicali sia dal punto di vista dei problemi di conservazione dei materiali che da quello dell’influenza dello stato che ne deriva sulla qualità del suono.

 

Il Patrimonio Culturale Italiano è una risorsa fondamentale per lo sviluppo economico e culturale del Paese e la sua valorizzazione è l’unico modo per coltivarla a fini produttivi per superare, senza grossi traumi, la nostra crisi economica . La valorizzazione è prevista da una normativa di grande qualità che dispone come coniugare le diverse esigenze poste dalla sua tutela.

La valorizzazione è la strategia per recuperare posizioni nel campo dell’offerta culturale globale che da qualche decennio è insidiata da una forte concorrenza di altri paesi verso una clientela di qualità. Questa strategia richiede la mobilitazione di creatività, offerte, comunicazione, spin up, e ricerca scientifica interdisciplinare.

La strada da percorrere segue la filiera concettuale Qualità, Diagnosi, Conservazione Comunicazione e Valorizzazione per cui sollecitiamo nel nostro convegno lavori che illusttrino esperienze che si fondano sul metodo interdisciplinare, strada maestra affinché il nostro patrimonio Culturale possa essere concorrenziale sul mercato internazionale.

Le energie da mettere in gioco esistono in aziende di restauro e di diagnostica, i dipartimenti con autonomia operativa, i produttori di apparecchiature di analisi in sito, i laboratori di miniaturizzazione delle tecnologie forniscono strumenti per sostenere le nuove modalità degli appalti in attuazione della spesa pubblica ed hanno necessità di accedere in tempo reale a queste conoscenze superando, fino ad annullarla, la barriera che li separa con dinamiche B2B.

 

Tematiche del Convegno

Economia dei Beni Culturali

Multidisciplinarietà, interdisciplinarietà;

Innovazione e trasferimento tecnologico;

Progettazioni ed appalti per la valorizzazione

Il quadro delle conoscenze preliminari alla conservazione;

Sicurezza e qualità;

Ricerca per la valorizzazione;

Indagini e tecniche diagnostiche;

Manuale di qualità dei luoghi dell’arte

Attività regolatorie;

Cause meccanismi e morfologia del degrado;

Creatività: Scienza arte e realtà;

Casi di studio.

 

Comitato scientifico

Luigi Campanella Università di Roma

Antonella Casoli Università di Parma

Angelo Montenero Università di Parma

Emidio Silenzi INAIL Campania

Alessandro Vergara Università Federico II Dip. di Scienze chimiche II

Raffaele D’Angelo Contarp INAI

Bruno Biscieglia Università di Salerno

Caterina Gattuso Università della Calabria

Giuseppe Amoruso Politecnico di Milano, Intbau Italia Chair

Livio De Luca Conservatorio S Pietro a Maiella Napoli

Luciano D’Alessio Università della Basilicata

Ciro Piccioli AIES Beni Culturali,

Antonio Scognamiglio Soprintendenza Archeologica di Napoli e Pompei

Luca Pelella ARCA sas

Enrico Bugli Accademia di Belle Arti di Napoli

Valeria Brancaccio Ambra Restauri srl

Ulderico Sicilia Risviel srl

Guido Driussi Arcadia Ricerche

Giovanna Bortolaso AIES Esperto Scientifico

Roberto Bugini CNR ICVBC Gino Bozza

Luisa Folli AIES Esperto Scientifico

Laura Cinquegrana AIES Esperto Scientifico

Ezio Martusciello Università Suor Orsola Benincasa

Maria Antonietta De Paola Naturalista

Chiara Marzano Biologa

 

Organizzazione

AIES Beni Culturali cell. 347 2991298

 

Sito: www.diagnosisculturalheritage.com

 

Segreteria Organizzativa

Chiara Marzano chiara.marzano79@libero.it cell. 3666627480

Ciro Piccioli ciropiccioli@libero.it cell 3472991298

Luca Pelella l.pelella@arcabbcc.it

Scadenze

Titolo e Abstract del lavoro entro il 15 Agosto 2013

Iscrizione ed invio del lavoro entro il 30 Ottobre 2013

Programma definitivo entro il 10 Novembre 2013

 

Lingue ufficiali del Convegno: inglese ed italiano.

Gli articoli e le relazioni al convegno possono essere svolte in una delle due lingue. Non è previsto servizio di traduzione.

Gli autori dovranno specificare la tematica scelta ed esprimere la propria preferenza per la forma di presentazione orale o poster del proprio contributo scientifico. Nel caso di un elevato numero di richieste e al fine di valorizzare al massimo tutti i contributi, dato anche il numero limitato di lavori che potranno essere ospitati nelle sessioni orali, il comitato organizzatore ha stabilito di organizzare una sessione “poster” nell’ambito della quale una commissione scelta esaminerà i poster presentati e a giudizio insindacabile conferirà uno specifico Attestato ai tre poster migliori.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

31 ottobre: Cena con Delitto- Delitto o Vizietto?

Lunedì 31 ottobre 2015 ore 21,00 presso la Taverna Vic’ Street Delitto alla Taverna ” ...

Il Sabato napoletano a Vic’ Street

Rassegna dei  Sabato Ogni Sabato a partire da Sabato 08 Ottobre 2016  ore 21,30 presso ...

1001 e un Venerdì: Il Medioriente a Napoli

Rassegna dei  Venerdì 1001 e un Venerdì Ogni Venerdì a partire da Venerdì 07 Ottobre ...

Sabato 8 ottobre: Festa dei 17 Anni di Vic’Street

Festa dei 17 Anni di Vic’Street Sabato 08 Ottobre 2016  ore 21,30 presso il Vic’ ...

Venerdì 9 Settembre: Un Mondo di Danze al Vic’ Street

Un Mondo di Danze  Venerdì 09 Settembre  ore 21,30 presso il Vic’ Street in via ...