TITLE

DESCRIPTION

Piccola Storia della Canzone Napoletana

 Funesta ca lucive- Michelemmà  Lo guarracino Funesta vascia

Finestre e tarantelle

Di Vittorio Paliotto.

Il fatto avvenne a Carini, nella valle di Mazzara,a una ventina di chilometri da Palermo, nell’anno di grazia 1563, in un castello sorvegliato notte e giorno da guardiani  armati, languiva tristemente la giovane e bella baronessa Caterina La Grua. Ognitanto Caterina che era servita e riverita da dame e damigelle, si accostava alla finestra, gettava uno sguardo alla campagna arida, e si chiedeva: verrà o n

on verrà ? Lui ,naturalmente, venne. Anche lui era giovane e bello, apparteneva ad  aristocratica famiglia e si chiamava Vincenzo Vernagallo. Era andato regolarmene a chiedere in sposa Caterina, ma il Padre di lei, il  barone Vincenza La Grua gli aveva opposto un fermissimo “no” e,appunto per sottrarre ad ogni tentazione, l’aveva rinchiusa in quella prigione dorata.
Vincenzo Vernagallo una volta giunto a Carini penetrò attraverso un passaggio segreto nel castello, e potè riabbracciare la sua Caterina . Non l’avesse mai fatto! I guardiani del castello, sorpresa la coppia in flagrante. Il barone La Gru  venuto a sapere dalle guardie dell’incontro amoroso tra sua figlia e il cavaliere Vernagallo, corse subito a Carini e ammazzo sua   figlia e diede ordine di far spegnere tutte le luci del castello per lutto.
A questa triste drammatica vicenda , emblematica di certi costumi, e certe tradizioni si ispirò un ignoto cantastorie siciliano per com porre una canzone dal titolo FENESTA CA LUCIVE.

Questa canzone dalla musica del genere delle allazzarata, diventò molta popolare in Sicilia, e fu tradotta in pugliese in calabrese in salernitano fino a gingiure a Napoli.

zp8497586rq

Categorie

VISITE GUIDATE PERSONALIZZATE

PROGRAMMA MENSILE

febbraio: 2012
L M M G V S D
    Mar »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829  

© Copyright 2009 Tour Napoli - Made In Naples

1007949979410.apps.googleusercontent.com