Home / Itinerari Napoli / Storia / Disfida dei trombonieri, storia della sagra di Cava de’ Tirreni

Disfida dei trombonieri, storia della sagra di Cava de’ Tirreni

La Disfida dei trombonieri, una sagra storico-folcroristica

Disfida dei trombonieri. Ogni anno, nella settimana del Corpus Domini, a Cava de’ Tirreni si svolge una suggestiva sagra storico-folcloristica: la Disfida dei trombonieri, che rievoca le imprese gloriose di un corpo militare – appunto i trombonieri, così chiamati perché armati di tromboni cioè di archibugi – fondato nell’XI secolo a difesa della città, spesso meta di aggressioni straniere (Disfida dei tromboneri- Cava de’ Tirreni).disfida dei trombonieri foto

«La manifestazione – scrive Mario Colangeli – può essere divisa in due momenti: il primo religioso, con una processione del Corpus Domini che si ricollega ad una terribile pesti lenza subita dalla popolazione nel 1656, quando un vecchio sacerdote, preso il santissimo Sacramento, lo portò sulla cima del monte e benedisse da diversi punti le campagne facendo cessare il flagello; il secondo, storico e civile, con la rievocazione in costume rinascimentale di una battaglia vinta contro gli angioini.

Il primo giorno, ha luogo la suggestiva processione degli appestati che, attraverso le vie cittadine, consumano il pranzo tradizionale, composto da alcune pietanze tipiche, come la pastiera rustica di maccheroni.

Il giorno seguente, si svolge la rievocazione storica in costume di alcuni avvenimenti dei secoli XV e XVI, di enorme importanza per la città. In quel periodo, i soldati di Cava si distinsero nel la lotta contro gli angioini, invertendo l’esito di una battaglia in favore del re Ferdinando d’Aragona.

Questa vittoria fu conseguita grazie ai tromboni cioè ai pesanti archibugi dell’epoca.

Ed ancora oggi queste armi sono conservate gelosamente di padre in figlio e vengono tirate fuori solo in occasione di questa festa (Disfida dei trombonieri-Ferdinando d’Aragona). Dopo la consueta sfilata di questi trombonieri, ha luogo una finta battaglia che dura fino al tramonto. Lo scontro consiste nella esibizione di vari gruppi di trombonieri che devono far sparare in perfetta progressione i loro archibugi cercando di non fare mai cilecca, cioè di non bloccare mai la vecchia arma».

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

'
x

Check Also

Lo splendore della Cappella Sansevero sotto il ramo d’Aquino

La cappella Sansevero si rese celebre con lo scienziato e filosofo alchimista spirituale don Raimondo ...

Teresa Filangieri Ravaschieri e le sue opere di carità per Napoli

Teresa Filangieri dei duchi di Satriano e principi di Taormina nasce a palazzo Filangieri nel ...

La litografia a Napoli

Nel 1816 la litografia inventata da un tedesco Aloisio Senefelder nel settecento, arriva a Napoli ...

Giordano Bruno a Napoli

Tra i pochi documenti sulla nascita e sulla giovinezza di Giordano Bruno, ci rifacciamo alle ...

Via Duomo: Gli intrighi di corte tra Lucrezia d’Alagno e Alfonso I d’Aragona

Via Duomo è il Cardo Major, il cardo più grande (più lungo e più largo) ...