Home / Curiosita / Efisio Marini

Efisio Marini

 

A Efisio Marini che attenuando la forza corruttrice
placò la morte,
non la fortuna ne gli ignavi ne i vivi
che lasciarono spegnere tanta fiamma senza alimento.
O Italiani la giustizia postuma è rimorso”.

Giovanni Bovio (1901)

La Figura di Efisio Marini non è molto conosciuta, ma non per questo non riveste un ruolo di grande importanza nella storia sia scientifica sia letterale di Napoli.

Efisio Marini (Cagliari, 1835 – Napoli, 11 settembre 1900) è stato uno scienziato italiano studioso di medicina e storia naturale, conosciuto anche con l'epiteto de “il Pietrificatore” per merito delle sue ricerche nel campo della conservazione di cadaveri e parti anatomiche.
Fin da Bambino ha sempre dimostrato doti e passioni verso la classificazione degli esseri viventi, portando scalpore nella sua famiglia, soprattutto quando la madre Selena Marturano di origini Napoletane, vedrà suo figlio ritornare con una gamba di un uomo, presa provocando non poco clamore, che si appresterà a studiare sul tavolo da cucina.
Ha  conseguito all'Università di Pisa le lauree in Medicina e Scienze Naturali. Negli stessi anni, elabora un metodo completamente personale di mummificazione che permette di pietrificare i cadaveri senza effettuare tagli o iniezioni sugli stessi, metodo che sarà poi in grado di invertire restituendo ai corpi il colore e la consistenza originali. Il primo successo con questo tipo di esperimento lo ottenne operando su un braccio umano.
Nel 1865 si trasferisce a Napoli, città in cui stabilisce legami con personaggi del mondo non scientifico come Giovanni Bovio, autore dell'epitaffio tutt'ora presente nell'atrio dell'università di Cagliari, e Salvatore di Giacomo. Marini, continuando a considerare il suo metodo di pietrificazione la chiave per accedere all'università di Cagliari, continua a mantenerne gelosamente (e inutilmente) il segreto.
In questi anni mummifica personaggi celebri come Luigi Settembrini e il marchese d'Afflitto, ed

espone i risultati del proprio lavoro a Vienna, Londra, Parigi, Milano, Torino e Roma. In tutte queste occasioni Marini mostra la pietrificazione di sangue, organi interni e persino della mano di una giovane fanciulla.

Lo scienziato pietrificò inoltre il sangue, raccolto sull'Aspromonte, di Giuseppe Garibaldi, modellandolo a forma dimedaglione – oggetto che donerà all'Eroe dei due Mondi, il qualeingrazierà Efisio Marini con una lettera ufficiale.na delle più famose pietrificazioni è stata quella del suo amico\ collega Pietro Martini.
I resti del Martini, dopo più di cento anni, risultano mantenere condizioni paragonabili ad un defunto di pochi anni, lo strato cutaneo, le parti muscolari, e addirittura le dita della mano come possiamo vedere dalle immagini, risultano chiaramente riconoscibili, nella mano possiamo notare ancora la distinzione delle unghie.Il segreto di tale resistenza, non fu subito reso pubblico, perché durante gli anni il Marini venne considerato quasi un pazzo, e si trovò di fronte a non pochi problemi.

Oggi tutto ciò è visibile all’interno del Museo Anatomico di Napoli.

Via Armanni 5, vicino l’ospedale incurabili.

Dal lunedì al venerdi, dalle 9 alle 12 su prenotazione.

La nostra associazione vi invita a visitare  Napoli, che da come avrete potuto vedere, nasconde molto più di quanto si creda. Casa  nativa di personaggi che hanno fatto storia e  che molto spesso, come il caso di Marini, si conosce poco.

L’obiettivo di questa associazione è quello di non far cadere nel dimenticatoio nessuno dei pezzi del puzzle che compongono Napoli, ed è per questo che sarebbe lieta di accompagnarvi, attraverso la conoscenza delle più competenti guide, nella visita di tutti questi musei, che ognuno a suo modo nasconde storia, fascino, mistero e soprattutto Arte.

MUSEO ANATOMICO
Via Armanni 5, vicino l’ospedale Incurabili.
Dal lunedì al venerdi, dalle 9 alle 12 su prenotazione.

 Susy Allocca

zp8497586rq
x

Check Also

I Misteri del Monastero di Santa Chiara: il fantasma della regina Giovanna

Notice: Undefined variable: fm_appid in /web/htdocs/www.tournapoli.it/home/wp-content/plugins/facebook-members/facebook-members.php on line 71 La cittadella francescana voluta da re Roberto d’Angio’ e da sua moglie Sancia di Maiorca ...

O’ Munaciello

Notice: Undefined variable: fm_appid in /web/htdocs/www.tournapoli.it/home/wp-content/plugins/facebook-members/facebook-members.php on line 71 La storia de O’ Munaciello ha origini antiche, la sua figura è vestita di  leggende ...

La Strega di Port’alba

Notice: Undefined variable: fm_appid in /web/htdocs/www.tournapoli.it/home/wp-content/plugins/facebook-members/facebook-members.php on line 71 Uno dei tantissimi racconti che si tramandano oralmente in questa parte della città narra della ...

Napoli da Cima a Fondo: Dal Vomero alla Pignasecca

Notice: Undefined variable: fm_appid in /web/htdocs/www.tournapoli.it/home/wp-content/plugins/facebook-members/facebook-members.php on line 71 DA CIMA A FONDO Itinerario Vomero – Pignasecca : Un percorso in discesa verso la ...

Tour Napoli: A’ pizz, o’ mandulin’, o’ presep’ e Pullecenella

Notice: Undefined variable: fm_appid in /web/htdocs/www.tournapoli.it/home/wp-content/plugins/facebook-members/facebook-members.php on line 71 A’pizz, o’ mandulin’, o’presep’ e Pullecenella Napoli è una delle principali città d’arte d’Europa, tuttavia, ...