Home / Musica / Indifferentemente

Indifferentemente

tramonta ‘a luna
e nuje pe’ recita’ l’urdema scena
restamme mano e mano
senza tene’ ‘o curaggio ‘e ce parla’
famme chello che vuo’
indifferentemente
tanto ‘o ssaccio che so’
pe’ te je nun so’ cchiu’ niente
e damme ‘stu veleno
nun aspetta’ a dimane
ca indifferentemente
si tu m’accide je nun
te
dico niente…

e ride pure
mentre je me scippe ‘a pietto
chistu core
nun sento cchiu’ dulore
e nun tengo cchiu’ lacreme pe’ te
famme chello che vuo’…

e damme ‘stu veleno
nun aspetta’ a dimane
ca indifferentemente

si tu m’accide je nun
te dico niente…

indifferentemente
je voglio a te

 

 

1963

Musica: Salvatore Mazzocco

Testo: Umberto Martucci

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

'
x

Check Also

La Musica a Napoli: tra antiche tradizioni ed il ritmo contemporaneo

Quando si parla di musiche e canzoni Napoletane, si é continuamente combattuti, soprattutto per l’oscillazione ...

Poesie per Napoli

Napoli:  na camminat ncopp  Margellina , na’ facc’ e na cartulin cancellat  acopp a nu ...

La Festa di Piedigrotta: La rivista

La canzone napoletana nel periodo che va dall’800 al 900, conosce oltre ad un riconoscimento ...

La Tammorriata napoletana

Le sue origini si perdono nella notte dei tempi ed è una delle danze più ...

41° Parallelo: Le origini del rap a Napoli

41° parallelo è la linea immaginaria che sta all’equatore e congiunge idealmente due capitali di ...