Home / Itinerari Napoli / Storia / Madonna di Positano: storia e breve fotogallery

Madonna di Positano: storia e breve fotogallery

Madonna di Positano, ecco la sua storia

Madonna di Positano. Tutta bizantina è la Madonna che si venera a Positano. Ed ha una sua storia originale, molto in chiave con la vitalità di questi luoghi. Giunse sulla spiaggia di Positano dal mare, presumibilmente diversi anni prima del mille, nel periodo della lotta iconoclastica di Leone lsaurico, rubata, con le pietre preziose che adornavano la sua immagine, dai predoni saraceni che devastavano in quei tempi i litorali adriatici e tirrenici.

Questa Madonna avventurosa e splendente arrivata in questi luoghi via mare, oltre ad essere oggetto di profonda venerazione ha entusiasmato la fantasia dei positanesi che ne coltivano e rievocano con ardore la storia.

Narra la leggenda, con dovizia di particolari, che una nave saracena (quella che aveva rubato il prezioso quadro) venisse una notte sorpresa da una grande tempesta al largo di Positano.800px-Panorama-Madonna di Positano

Il libeccio rischiava di fracassare l’albero di maestra da un momento al l’altro, le violente ondate e sferzate di pioggia si riversavano sullo scafo spazzando dalla tolda uomini e cose. L’equipaggio, abbandonate le manovre, correva impazzito dall’aplustre (l’alta poppa delle antiche navi bizantine) alla prua: quando tra i cigolii paurosi del trinchetto e delle sartie, tra le raffi che dell’uragano, una voce misteriosa sorprese i marinai, una voce limpida che pareva scaturire dal vento con queste insistenti parole: «Posa, posa! “· La Madonna, stanca di navigare, voleva esser portata a terra. Capirono i marinai e vollero ubbidirle, nella speranza della salvezza e nell’intuito di una nuova verità: era il miracolo.

L’intero equipaggio, convertito alla fede cristiana, si affannò al timone, cercò che il grembo dell’unica grossa vela quadrata si gonfiasse di vento verso la riva: ma prodigiosamente ogni sforzo fu superfluo perché il veliero sembrava scivolare per forza propria verso la piccola rada, dove la Madonna venne depositata sul breve arco di spiaggia che oggi ospita famiglie in vacanza. 800px-madonna di Positano_IIIl vento e le onde si andavano placando. Scintillava sul bagnasciuga ancora scuro della pioggia notturna, la Madonna di Positano bizantina dalla sua tavoletta di cedro dove un esperto artefice della lontana Grecia l’aveva ritratta; e cosi la trovarono all ‘alba i primi pescatori scesi al mare.

La pietà degli abitanti di quella spiaggia costruì sul luogo stesso un tempio, e da quel giorno (dice la leggenda che non ama le complesse etimologie greche che parlano di una corruzione da Poseidon) il paesetto si chiamò dal «Posa, posa” della sua Madonna, Positano.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

'
x

Check Also

Lo splendore della Cappella Sansevero sotto il ramo d’Aquino

La cappella Sansevero si rese celebre con lo scienziato e filosofo alchimista spirituale don Raimondo ...

Teresa Filangieri Ravaschieri e le sue opere di carità per Napoli

Teresa Filangieri dei duchi di Satriano e principi di Taormina nasce a palazzo Filangieri nel ...

La litografia a Napoli

Nel 1816 la litografia inventata da un tedesco Aloisio Senefelder nel settecento, arriva a Napoli ...

Giordano Bruno a Napoli

Tra i pochi documenti sulla nascita e sulla giovinezza di Giordano Bruno, ci rifacciamo alle ...

Via Duomo: Gli intrighi di corte tra Lucrezia d’Alagno e Alfonso I d’Aragona

Via Duomo è il Cardo Major, il cardo più grande (più lungo e più largo) ...