SEGUICI SU:

+39 373 9042367
Top
 

Partono i bastimenti, mostra sugli emigranti al Suor Orsola

Tour Napoli / Musica  / Partono i bastimenti, mostra sugli emigranti al Suor Orsola

Partono i bastimenti, mostra sugli emigranti al Suor Orsola

viagra online uk

tent/uploads/2012/10/emigranti1_800_800-300×221.jpg” alt=”” width=”300″ height=”221″ />Forse uno degli esodi più rilevanti della storia recente è stato quello che hanno vissuto gli italiani che emigrarono tra la fine dell’ottocento e i primi anni 60. I numeri di questo esodo sono enormi, si parla di più di 25 milioni di persone che cercarono fortuna oltreoceano. Per non perdere la memoria storica dell’emigrazione italiana e in particolare di quella napoletana, si è inaugurata all’Universita’ Suor Orsola Benincasa di Napoli una mostra dal titolo “Partono i bastimenti”. L’esposizione, realizzata con la collaborazione della Fondazione Roma-Mediterraneo e con l’aiuto di Francesco Nicotra sarà aperta fino al

13 dicembre. Il presidente della Fondazione Roma ha inaugurato la mostra con parole molto sentite nei confronti dell’emigrazione definendola “una delle pagine più intense”. Anche il rettore Lucio d’Alessandro, dando il suo pieno sostegno all’iniziativa, ha accolto con “soddisfazione questa mostra dedicata agli Italiani che attraversarono l’oceano per sottrarre se stessi e i propri figli alle drammatiche condizioni di miseria e fame che gravarono a cavallo fra il XIX e il XX secolo sul nostro e su altri paesi dell’Europa”.

All’interno della sala d’esposizione ci sarà un folto itinerario fotografico che ripercorrerà tutti la storia degli emigranti italiani. Le partenze dall’amata Italia sulle carrette del mare, la traversata cosi lunga e piena di insidie, l’arrivo sulle coste americani e infine i successi commerciali che gli italiani ebbero in quelle terre cosi lontane.

La mostra sarà composta da moltissimo materiale privato e da documenti storici come passaporti, opuscoli, cartoline ed effetti personali degli emigranti.

Ci sarà anche una sezione dedicata ai migliaia di soldati che nel 1861 furono spediti in America per dare il loro contributo agli stati secessionisti.

[youtuber youtube=’http://www.youtube.com/watch?v=WvcxKdtIpGw’]





Commenti
You don't have permission to register