SEGUICI SU:

+39 373 9042367
Top
 

Mergellina

Mergellina

Dal molo di Mergellina partono gli aliscafi per le isole campane e pontine, mentre superando Piazza Sannazzaro si giunge alla Stazione omonima, realizzata nel 1925 in stile Beaux Arts.

download

 

 

Sulla sinistra, prima del Tunnel di Piedigrotta ( di fronte all’Ostello della Gioventù) si trova una piccola stradina in salita che porta al Parco della Tomba di Virgilio. All’ingresso si è immersi nel verde mentre l’altra parete monumentale in piperno reca due lapidi commemorative ed un busto marmoreo di Virgilio. Dopo la rampa vi è una maestosa area dedicata a Giacomo Leopardo, ornata da una cornice con fogliame e volute al cui fianco c’è la tomba del poeta. Una stretta rampa con i resti di un acquedotto romano conduce ad un Colombario di età augustea, a base quadrata con camera sepolcrale a tamburo cilindrico, ritenuto la tomba di Virgilio e risistemato nel 1930, in occasione del bimillenario della nascita del poeta.

h_chiesa

 

Uscendo dal parco, proseguendo verso destra, c’è la chiesa di Santa Maria di Piedigotta, molto cara ai napoletani, fu costruita ai piedi della grotta, da cui il nome per volere della Vergine, apparsa ad un monaco benedettino, a Suor Maria di Durazzo e a Pietro l’Eremita. Venne poi rifatta nell’800. Al suo interno si conservano il Monumento funebre a Gaetano Filangieri.

Continuando verso Via Mergellina, a destra in cima ad una scalinata, su una terrazza che affaccia sul mare, sorge la piccola chiesa di Santa Maria del Parto, fatta costruire sembra dal poeta Jacopo Sannazzaro, dove desiderò farsi seppellire.

4fba049f6983a34e76a924bfad24c434_tramonto-mare-street-paesaggio-natura-reportage-canon-skyline-sunset-landscape-napoli-vesuvio-sun-sky-photographer-golfo-photgraphy

Continuando, dopo Piazza Sannazzaro, lungo via Mergellina, fino a Largo Sermoneta, al termine del lungomare e ai piedi di Posillipo, dove si può ammirare la fontana del Sebeto, eretta nel 1635 da Carlo Fanzago. Costruita su un alto Basamento reca una vasca centrale con delfini e l’allegoria del fiume Sebeto che anticamente scorreva in città, ma di cui si è quasi persa ogni traccia.

Mergellina oggi rappresenta una meta per coloro che vogliono godersi uno dei panorami più romantici del mondo da cui è possibile scorgere il promontorio del Vesuvio, il lungomare ed il Castel dell’ovo, scorcio suggestivo, unico ed indimenticabile, oltre ad essere tappa fondamentale per chi secondo la consuetudine deve assaporare il classico Tarallo napoletano che sicuramente ha un gusto unico se consumato in quello  scenario.

Commenti
You don't have permission to register