SEGUICI SU:

+39 373 9042367
Top
 

Palazzo Filomarino

Palazzo Filomarino

Sanseverino di Bisignano

Al n. 12 di via Benedetto Croce si erige il palazzo Sanseverino di Bisignano ora detto Filomarino. La fondazione del palazzo risale all’età angioina ed è dovuta aI desiderio della famiglia Brancaccio di costruire la loro dimora nei pressi della cittadella monastica di S. Chiara. Dell’antico edificio medioevale restano i frammenti di due archi ogivali lungo le pareti dello scalone settecentesco del Sanfelice. Agli inizi del 1500 l’edificio, fu acquistato dal principe di Bisignano, Girolamo Sanseverino.

Il principe nel 1512 acquistò, dalla repubblica veneta, un terreno adiacente al palazzo e iniziò i lavori d'ampliamento  curati da Giovan Francesco di Palma, che realizzò il monumentale portico del co

rtile interno, su cui si affacciano i balconi.

Fatto curioso che accomuna i proprietari di questo palazzo, Bernardino e Pier Antonio Sanseverino, fu che entrambi uccisero le rispettive mogli. Nel 1606, con la morte dell'ultimo Bisignano, Nicola Bernardino, il palazzo fu acquistato da Tommaso Filomarino della Rocca. 

Durante i moti del 1647-1648 il palazzo subì numerosi danni (era stato utilizzato come bastione difensivo contro gli spagnoli) per i colpi subiti il 9 marzo del 1648. Una volta finita la guerra, i Filomarino, prima con Giambattista e poi con Francesco Filomarino, rispettivamente fratello e nipote di Tommaso, ristrutturarono il palazzo, ricostruendone l’ala superiore. Nel 1700 Ferdinando Sanfelice, architetto, ideò e costruì l'attuale portone che oggi possiamo ammirare e lo scalone. Nell’ottocento fu aggiunto il terzo piano. Con la fine dei Filomarino, la proprietà fu suddivisa tra vari proprietari, tra cui Benedetto Croce che, al secondo piano, fondò l'Istituto Italiano per gli Studi Storici che si trova nell'appartamento adiacente a quello nel quale morì il grande filosofo.

zp8497586rq
Commenti
You don't have permission to register